Skip links

Antitrust: la Commissione adotta orientamenti sugli accordi di sostenibilità nel settore agricolo

 

La Commissione europea ha adottato oggi orientamenti sulle modalità di elaborazione degli accordi di sostenibilità nel settore agricolo (“orientamenti”) utilizzando la nuova esclusione dalle norme dell’UE in materia di concorrenza introdotta nel quadro della recente riforma della politica agricola comune (“PAC”).

I nuovi orientamenti

L’articolo 101 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (“TFUE”) vieta in generale gli accordi tra imprese che limitano la concorrenza, ad esempio quelli tra concorrenti che hanno come effetto l’aumento dei prezzi o la diminuzione dei quantitativi disponibili. Tuttavia, l’articolo 210 bis del regolamento (UE) n. 1308/2013 recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli (“regolamento OCM“) esclude da tale divieto alcuni accordi restrittivi del settore agricolo se tali accordi sono indispensabili per conseguire norme di sostenibilità più rigorose rispetto alle regole obbligatorie dell’Unione o nazionali.

I nuovi orientamenti mirano a chiarire in che modo gli operatori del settore agroalimentare possono elaborare iniziative congiunte in materia di sostenibilità in linea con l’articolo 210 bis. In particolare:

  • gli orientamenti definiscono l’ambito di applicazione dell’esclusione. L’esclusione riguarda solo gli accordi tra diversi dai produttori agricoli e gli accordi tra questi ultimi e altri operatori della filiera agroalimentare, ad esempio le imprese che forniscono mezzi di produzione necessari per la produzione, la distribuzione, il trasporto o l’imballaggio dei prodotti. Ciò significa che gli accordi conclusi senza includere i produttori agricoli non possono beneficiare dell’esclusione. Inoltre, gli accordi devono sempre riguardare i prodotti agricoli;
  • gli orientamenti definiscono gli obiettivi di sostenibilità ammissibili. Gli orientamenti chiariscono l’ambito di applicazione degli obiettivi di sostenibilità che possono essere perseguiti con gli accordi. Tali obiettivi sono stabiliti dall’articolo 210 bis del regolamento OCM e possono essere suddivisi in tre categorie: i) protezione dell’ambiente; ii) riduzione dell’uso di pesticidi e della resistenza antimicrobica e iii) salute e benessere degli animali. Pertanto gli accordi che perseguono obiettivi di sostenibilità economica e sociale (ad esempio un’equa remunerazione degli agricoltori e dei lavoratori agricoli) non rientrano nell’ambito di applicazione dell’esclusione;
  • gli orientamenti fissano i requisiti per le norme di sostenibilità. Per beneficiare dell’esclusione, le parti devono concordare l’adozione di norme di sostenibilità più rigorose di quelle obbligatorie ai sensi delle normative dell’Unione o nazionali, anche se solo marginalmente. Tali accordi dovrebbero essere indispensabili per il conseguimento della norma di sostenibilità.
  • gli orientamenti spiegano che gli accordi di sostenibilità possono includere qualsiasi tipo di restrizione della concorrenza a condizione che la restrizione sia indispensabile per il conseguimento della norma di sostenibilità. Gli orientamenti spiegano in che modo valutare in pratica se una data restrizione della concorrenza sia o meno indispensabile. Ad esempio, gli operatori possono concordare pagamenti ai produttori per coprire i costi aggiuntivi, nonché un incentivo monetario per i produttori affinché si assumano il rischio connesso all’adozione della norma. L’esclusione di prodotti o di operatori di altri Stati è in linea di principio considerata non indispensabile ai fini del conseguimento della norma di sostenibilità;
  • gli orientamenti definiscono il campo di applicazione degli interventi ex post da parte delle autorità di concorrenza. Gli orientamenti precisano che nei casi in cui l’attuazione di un accordo di sostenibilità comporti, tra l’altro, prezzi al consumo irragionevoli o l’eliminazione dal mercato di un prodotto per il quale esiste una domanda significativa dei consumatori, le autorità garanti della concorrenza possono intervenire e chiedere di porre fine o modificare gli accordi di sostenibilità.

Gli orientamenti entreranno in vigore dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. Gli operatori che hanno già concluso accordi di sostenibilità sono invitati ad allinearli agli orientamenti della Commissione. Gli operatori possono chiedere alla Commissione un parere sulla compatibilità di tali accordi con le norme dell’UE in materia di concorrenza a partire dall’8 dicembre 2023.

Contesto

Nel contesto della riforma della politica agricola comune per il periodo 2023-2027, nel 2021 il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea hanno adottato una nuova esclusione dalle regole di concorrenza per i prodotti agricoli.

La nuova esclusione è contenuta nel regolamento (UE) 2021/2117, che ha introdotto l’articolo 210 bis del regolamento OCM. Questa disposizione stabilisce che gli accordi che mirano a conseguire obiettivi di sostenibilità applicando norme più rigorose di quelle obbligatorie ai sensi della normativa dell’Unione o nazionale sono consentiti, a condizione che le eventuali restrizioni della concorrenza derivanti da tali accordi siano indispensabili per il conseguimento di tali obiettivi.

Il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea hanno chiesto alla Commissione europea di pubblicare orientamenti relativi all’applicazione di tale esclusione.

Il 28 febbraio 2022, la Commissione ha pubblicato un invito a presentare contributi e una consultazione pubblica, invitando i portatori di interessi a condividere la loro esperienza in materia di accordi volti a conseguire gli obiettivi di sostenibilità nelle catene di approvvigionamento agroalimentare. Nel gennaio 2023 la Commissione ha pubblicato un primo progetto di orientamenti da sottoporre a consultazione e nel giugno 2023 ha organizzato una conferenza per discutere ulteriormente le principali questioni delineate nella consultazione.

Citazioni

  • “Gli orientamenti adottati oggi forniscono informazioni chiare e concrete per aiutare gli agricoltori e altri operatori della filiera agroalimentare a elaborare iniziative congiunte in materia di sostenibilità in linea con le norme settoriali in materia di concorrenza adottate dai legislatori. Queste informazioni sono fondamentali per promuovere una produzione e un commercio più sostenibili di prodotti agricoli in Europa.”

Il commissario Didier Reynders, responsabile della politica di concorrenza – 07/12/2023

  • “La transizione verso una produzione agricola più resiliente e sostenibile presuppone una cooperazione rafforzata degli operatori dell’intera catena di approvvigionamento e deve far sì che gli agricoltori ottengano un giusto compenso economico per il loro impegno a migliorare la sostenibilità della produzione al di là di quanto attualmente imposto dalla normativa. I nuovi orientamenti aiutano gli agricoltori e gli altri operatori della catena di approvvigionamento a elaborare i loro accordi di sostenibilità per avvalersi della nuova esclusione dalle norme in materia di concorrenza.”

Janusz Wojciechowski, commissario per l’Agricoltura – 07/12/2023

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment