Skip links

La Commissione accoglie con favore l’accordo politico su un sistema di certificazione a livello dell’UE per gli assorbimenti di carbonio

La Commissione accoglie con favore l’accordo provvisorio tra il Parlamento europeo e il Consiglio sul primo quadro volontario a livello dell’UE per la certificazione di assorbimenti di carbonio di alta qualità. Tale quadro di certificazione promuoverà tecnologie innovative di assorbimento del carbonio e il sequestro del carbonio nei suoli agricoli che contribuiscono agli obiettivi dell’UE in materia di clima, ambiente e inquinamento zero. Questo nuovo quadro aiuterà l’ UE a conseguire la neutralità climatica certificando gli assorbimenti di carbonio e il sequestro del carbonio nei suoli agricoli per garantire che siano trasparenti e affidabili, prevenendo il greenwashing e creando nuove opportunità commerciali. L’accordo odierno stabilisce norme di certificazione per:

  • Sequestro del carbonio nei suoli agricoli, come il ripristino delle foreste e del suolo e la prevenzione delle emissioni del suolo, la riumidificazione delle torbiere, un uso più efficiente dei fertilizzanti e altre pratiche agricole innovative;
  • Gli assorbimenti industriali di carbonio, come la bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio, o la cattura e lo stoccaggio diretti del carbonio nell’atmosfera;
  • Carbonio vincolante in prodotti e materiali di lunga durata, come i materiali da costruzione a base di legno o il biochar.

Il regolamento concordato in via provvisoria migliorerà la capacità dell’UE di quantificare, monitorare e verificare l’autenticità di tutte queste forme di assorbimento del carbonio. In particolare, stabilisce norme per riconoscere i sistemi di certificazione che dimostrano la conformità al quadro dell’UE e una serie specifica di criteri per garantire l’elevata qualità degli assorbimenti di carbonio e la trasparenza e la credibilità del processo di certificazione.

I criteri concordati garantiranno che gli assorbimenti di carbonio siano: correttamente quantificata; stoccare il carbonio per un periodo concordato a lungo termine (un minimo di 35 anni per il carbonio stoccato nei prodotti); vanno al di là delle pratiche esistenti e non si limitano a ricompensare lo status quo; e contribuire a obiettivi di sostenibilità più ampi, ad esempio fornendo effetti positivi sulla biodiversità. Sarà istituitoun registro dell’UE per creare un livello elevato di trasparenza sugli assorbimenti di carbonio certificati. Che sarà messo in atto entro 4 anni. Nel frattempo possono essere utilizzati i registri dei sistemi di certificazione esistenti. Il regolamento stabilisce l’ordine di priorità delle metodologie di certificazione che dovrebbero essere sviluppate. Su tale base, la Commissione, sostenuta da un gruppo di esperti sull’assorbimento del carbonio, continuerà a lavorare per sviluppare metodologie di certificazione credibili e su misura per i diversi tipi di attività di assorbimento del carbonio.

Gli assorbimenti di carbonio certificati possono costituire la base di nuove opportunità economiche e possono essere monetizzati attraverso regimi privati e sostegno del settore pubblico, oltre a generare vantaggi commerciali con i consumatori che intendono premiare pratiche rispettose dell’ambiente. Il sequestro del carbonio nei suoli agricoli creerà nuovi modelli imprenditoriali per gli agricoltori e i silvicoltori e dovrebbe produrre benefici significativi per la biodiversità. Il regolamento concordato incoraggia inoltre l’uso di bioprodotti da costruzione duraturi per mantenere il carbonio legato per diversi decenni o più a lungo, stimolando nuove tecniche edilizie sostenibili.

Per quanto riguarda il sostegno finanziario alle tecnologie di assorbimento del carbonio, il regolamento sblocca finanziamenti pubblici e privati innovativi, compresi i finanziamenti per l’impatto o il sostegno pubblico basato sui risultati, in quanto gli assorbimenti di carbonio e gli agricoltori di carbonio possono essere ricompensati sulla base degli assorbimenti certificati e delle riduzioni delle emissioni. Sosterrà inoltre il nuovo Bauhaus europeo riconoscendo la capacità di stoccaggio del carbonio dei materiali da costruzione a base biologica ed efficienti sotto il profilo energetico. La Commissione continuerà a finanziare gli assorbimenti di carbonio attraverso vari programmi, quali il Fondo per l’innovazione, la politica agricola comune, il Fondo di sviluppo regionale, il programma LIFE e il programma Orizzonte Europa (compresa la missione “Un patto europeo per i suoli”).

Prossime tappe

Il Parlamento europeo e il Consiglio devono ora approvare formalmente l’accordo. Una volta completato l’iter, la nuova legislazione è pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione ed entra in vigore.

Contesto

La legge europea sul clima, firmata nel 2021, vincola giuridicamente l’UE a diventare climaticamente neutra entro il 2050. Ciò significa raggiungere un equilibrio tra le emissioni e gli assorbimenti di gas a effetto serra entro il 2050. Il regolamento quadro di certificazione per l’eliminazione del carbonio, inizialmente proposto dalla Commissione nel novembre 2022, è pertanto fondamentale per conseguire l’obiettivo climatico a lungo termine dell’UE nell’ambito dell’accordo di Parigi e rendere il Green Deal europeo una realtà. Gli assorbimenti di carbonio saranno un fattore chiave per un futuro obiettivo climatico intermedio per il 2040, come raccomandato dalla Commissione nella sua comunicazione e nella strategia industriale di gestione del carbonio del 6 febbraio.

Sulla base della comunicazione della Commissione sui cicli del carbonio sostenibili adottata nel 2021, il presente regolamento contribuisce all’obiettivo di assorbimento del carbonio per il 2030 nel settore dell’uso del suolo, dei cambiamenti di uso del suolo e della silvicoltura (LULUCF). Sostiene inoltre le attività di ripristino della natura in linea con la normativa sul ripristino della natura e le pratiche dell’economia circolare del piano d’azione per l’economia circolare.

Aiuterà inoltre le imprese a comunicare la loro impronta climatica conformemente alla direttiva sulla responsabilità sociale delle imprese e ai relativi principi di rendicontazione di sostenibilità e garantirà maggiore trasparenza sulle dichiarazioni di neutralità climatica da parte delle organizzazioni pubbliche e private.

Citazioni

  • “I nostri sforzi per ridurre le emissioni di gas a effetto serra dipenderanno sempre più dalla tecnologia e dall’innovazione in futuro e dall’uso ottimale dei pozzi naturali di assorbimento del carbonio. Lo sviluppo di una certificazione adeguata per le tecnologie di assorbimento del carbonio e il sequestro del carbonio nei suoli agricoli è fondamentale per incentivare e premiare le nuove pratiche. L’accordo odierno ci apre la strada verso la realizzazione di attività di assorbimento del carbonio di alta qualità in tutta Europa.
Maroš Šefčovič, vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, le relazioni interistituzionali e le prospettive strategiche
  • “Gli assorbimenti di carbonio e il sequestro del carbonio nei suoli agricoli costituiranno una parte importante dei nostri sforzi per conseguire la neutralità climatica entro il 2050. Con questo nuovo quadro europeo volontario di certificazione per gli assorbimenti di carbonio e il sequestro del carbonio nei suoli agricoli, sfrutteremo nuove opportunità economiche per agricoltori, silvicoltori, costruttori e innovatori. È essenziale collaborare con tutte queste parti interessate per un futuro più sostenibile in cui l’innovazione risponda alla responsabilità ambientale. Insieme possiamo creare un contesto imprenditoriale innovativo per investire e diffondere assorbimenti di carbonio di alta qualità.”
Wopke Hoekstra, Commissioner for Climate Action

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment