Skip links

La Commissione accoglie con favore l’accordo provvisorio per un’aria più pulita nell’UE

La Commissione accoglie con favore l’accordo politico provvisorio raggiunto tra il Parlamento europeo e il Consiglio sulla direttiva riveduta sulla qualità dell’ aria ambiente. Una volta adottata, la nuova legge fisserà 2030 norme dell’UE in materia di qualità dell’aria in linea più strettamente con le linee guida globali dell’OMS sulla qualità dell’aria. Si tratta di un passo importante per proteggere meglio la nostra salute e progredire verso l’azzeramento dell’inquinamento ambientale entro il 2050.

Aria ambiente più pulita entro il 2030

Con la revisione della direttiva sulla qualità dell’aria ambiente, il valore limite annuale per l’ inquinante principale, il particolato fine (PM2.5), è ridotto di oltre la metà. Un riesame periodico delle norme in materia di qualità dell’aria per rivalutarle, in linea con i più recenti dati scientifici e con gli sviluppi sociali e tecnologici, contribuirà a mettere l’UE su una traiettoria verso l’azzeramento dell’ inquinamento atmosferico al più tardi entro il 2050, in sinergia con gli sforzi in materia di neutralità climatica.

Le autorità nazionali e locali determineranno le misure specifiche che adotteranno per conformarsi alle norme. Allo stesso tempo, le politiche dell’UE esistenti e nuove nei settori dell’ambiente, dell’energia, dei trasporti, dell’agricoltura, della R &Ie di altri settori apporteranno un contributo significativo.

La revisione garantirà che le persone che subiscono danni alla salute a causa dell’inquinamento atmosferico abbiano il diritto di essere risarcite in caso di violazione delle norme dell’UE in materia di qualità dell’aria.  Apporterà inoltre maggiore chiarezza sull’accesso alla giustizia, sanzioni efficaci e migliori informazioni pubbliche sulla qualità dell’aria.

Sosterrà le autorità locali rafforzando le disposizioni in materia di monitoraggio e modellizzazione della qualità dell’aria e contribuirà a migliorare i piani per la qualità dell’aria. Il miglioramento delle norme in materia di monitoraggio e modellizzazione della qualità dell’aria consentirà di verificare più da vicino il rispetto delle norme e di sostenere azioni più efficienti ed efficaci per prevenire e affrontare le violazioni delle norme.

La direttiva riveduta garantirà inoltre un’ azione tempestiva per ottenere un’aria più pulita. Se nei prossimi anni i livelli di inquinamento atmosferico sono superiori alle nuove norme del 2030, gli Stati membri dovranno analizzare se sono sulla buona strada per conformarsi alla legislazione in tempo utile e, se necessario, adottare misure e garantire la conformità nel 2030. In circostanze specifiche, gli Stati membri possono disporre di più tempo per raggiungere le nuove norme. Le motivazioni di tali proroghe devono basarsi su una solida analisi. Gli Stati membri dovranno adottare misure adeguate per garantire che rispettino quanto prima le norme in materia di qualità dell’aria.

Prossime tappe

Il Parlamento europeo e il Consiglio dovranno ora adottare formalmente la direttiva riveduta prima di poter entrare in vigore. Entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE.

Contesto

Il 26 ottobre 2022 la Commissione ha adottato la proposta di revisione della direttiva sulla qualità dell’aria ambiente. Si tratta di un progresso fondamentale per l’obiettivo “inquinamento zero” del Green Deal europeodi un ambiente a inquinamento zero entro il 2050.

L’inquinamento atmosferico è la principale minaccia ambientale per la salute e una delle cause più frequenti di malattie croniche, tra cui ictus, cancro e diabete. Colpisce in modo sproporzionato i gruppi sociali sensibili e vulnerabili. Circa 300,000 decessi prematuri all’anno e un numero significativo di malattie non trasmissibili, quali asma, problemi cardiovascolari e cancro ai polmoni, sono attribuiti all’inquinamento atmosferico. L’inquinamento atmosferico continua ad essere la prima causa ambientale di morte precoce nell’UE. Gli inquinanti peggiori sono il particolato, il biossido di azoto e l’ozono.

L’aria inquinata danneggia anche l’ambiente causando acidificazione, eutrofizzazione e danni alle foreste, agli ecosistemi e alle colture. Oggi l’eutrofizzazione supera i carichi critici nei due terzi delle superfici degli ecosistemi nell’UE E incide significativamente sui servizi che la biodiversità offre a tutti noi.

Citazioni

“L’accordo rappresenta una pietra miliare per l’azzeramento dell’inquinamento, un’Europa più pulita e più sana.  La legge riveduta pone in essere le norme e la traiettoria necessarie per proteggere la nostra salute e l’ambiente dall’aria inquinata. Ciò andrà in particolare a vantaggio dei gruppi vulnerabili, come i bambini e gli anziani, e ci avvicinerà al nostro obiettivo: un’Europa in cui l’inquinamento è un problema del passato e dell’aria pulita, la nostra realtà futura.”

Virginijus Sinkevičius, commissario per l’Ambiente, gli oceani e la pesca

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment