Skip links

La Commissione definisce le misure chiave per gestire i rischi climatici al fine di proteggere le persone e la prosperità

La Commissione europea ha pubblicato oggi una comunicazione sulla gestione dei rischi climatici in Europa. Stabilisce in che modo l’UE e i suoi Stati membri possono prevedere, comprendere e affrontare meglio i crescenti rischi climatici. Illustra inoltre in che modo possono preparare e attuare politiche che salvino vite umane, riducano i costi e tutelino la prosperità in tutta l’UE.

La comunicazione risponde alla prima valutazione europea del rischio climatico ( EUCRA), una relazione scientifica dell’Agenzia europea dell’ambiente. Insieme, si tratta di un invito ad agire per tutti i livelli di governo, nonché per il settore privato e la società civile. Stabiliscono chiaramente in che modo tutti i principali settori e settori politici sono esposti ai rischi legati al clima, quanto sono gravi e urgenti i rischi e quanto sia importante avere chiarezza su chi abbia la responsabilità di affrontare i rischi.

Il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato. Secondo la relazione di febbraio del servizio Copernicus sui cambiamenti climatici, la temperatura media globale dei 12 mesi precedenti ha superato la soglia di 1.5 gradi stabilita nell’accordo di Parigi. Poiché l’UE sta adottando un’azione globale per ridurre le proprie emissioni e limitare i cambiamenti climatici, dobbiamo anche agire per adattarsi a cambiamenti già inevitabili e proteggere le persone e la prosperità. Secondo l’indagine Eurobarometro, il 77 % degli europei considera i cambiamenti climatici un problema molto grave e più di un europeo su tre (37 %) si sente già personalmente esposto ai rischi climatici.

La comunicazione odierna mostra come l’UE possa far fronte efficacemente ai rischi e rafforzare la resilienza ai cambiamenti climatici. La Commissione propone una serie di azioni e collaborerà con altre istituzioni dell’UE, Stati membri, autorità regionali e locali, cittadini e imprese per dare seguito a tali suggerimenti.

Dotare la società europea di una maggiore resilienza ai cambiamenti climatici

La comunicazione della Commissione sottolinea come l’ azione volta a migliorare la resilienza ai cambiamenti climatici sia essenziale per mantenere le funzioni della società e proteggere le persone, la competitività economica e la salute delle economie e delle imprese dell’UE. È inoltre indispensabile per una transizione giusta ed equa. Investire in anticipo per ridurre la nostra vulnerabilità al rischio climatico comporterà costi molto inferiori rispetto alle ingenti somme necessarie per riprendersi dagli impatti climatici quali siccità, inondazioni, incendi boschivi, malattie, fallimenti delle colture o ondate di calore. Secondo stime prudenti, tali danni potrebbero altrimenti ridurre il PIL dell’UE di circa il 7 % entro la fine del secolo. Gli investimenti in edifici, trasporti ed energia resilienti ai cambiamenti climatici potrebbero inoltre creare importanti opportunità commerciali e favorire più in generale l’economia europea, generando posti di lavoro altamente qualificati e un’energia pulita a prezzi accessibili.

Per aiutare l’UE e i suoi Stati membri a gestire i rischi climatici, la comunicazione individua quattro principali categorie di azione:

  • Migliorare la governance: La Commissione invita gli Stati membri a garantire che i rischi e le responsabilità siano meglio compresi, basati sui migliori dati e sul dialogo. Individuare i “titolari del rischio” è un primo passo fondamentale. La Commissione chiede una più stretta cooperazione in materia di resilienza climatica tra i livelli nazionale, regionale e locale per garantire che le conoscenze e le risorse siano messe a disposizione laddove siano più efficaci. La resilienza ai cambiamenti climatici è sempre più affrontata in tutte le politiche settoriali, ma permangono carenze nella pianificazione e nell’attuazione a livello nazionale. La comunicazione osserva che gli Stati membri hanno compiuto i primi passi per includere la resilienza ai cambiamenti climatici nei rispettivi piani nazionali per l’energia e il clima (PNEC).
  • Strumenti migliori per responsabilizzare i proprietari dei rischi: I responsabili politici, le imprese e gli investitori devono comprendere meglio le interconnessioni tra i rischi climatici, gli investimenti e le strategie di finanziamento a lungo termine. Ciò può fornire i giusti segnali di mercato per contribuire a colmare le attuali lacune in termini di resilienza e protezione. La Commissione migliorerà gli strumenti esistenti per aiutare gli enti regionali e locali a prepararsi meglio attraverso dati solidi e solidi. La Commissione e l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) forniranno accesso a dati, prodotti, applicazioni, indicatori e servizi chiave granulari e localizzati. Per contribuire alle emergenze, nel 2025 il servizio satellitare di allarme di emergenza (EWSS) di Galileo sarà disponibile per comunicare informazioni di allerta a persone, imprese e autorità pubbliche anche quando i sistemi di allarme terrestre saranno disattivati. Le principali lacune nei dati saranno ridotte grazie alla proposta di legge sul monitoraggio delle foreste e del suolo, che migliorerà gli strumenti di allarme rapido in caso di incendi boschivi e altre catastrofi e contribuirà a valutazioni dei rischi più accurate. Più in generale, la Commissione promuoverà l’uso dei sistemi di monitoraggio, previsione e allerta disponibili.
  • Sfruttamento delle politiche strutturali: le politiche strutturali negli Stati membri possono essere utilizzate in modo efficiente per gestire i rischi climatici. Tre settori di politica strutturale sono particolarmente promessi per la gestione dei rischi climatici in tutti i settori: una migliore pianificazione territoriale negli Stati membri; integrare i rischi climatici nella pianificazione e nella manutenzione delle infrastrutture critiche; collegare i meccanismi di solidarietà a livello dell’UE, come l’UCPM, il Fondo di solidarietà dell’UE e gli investimenti strutturali della politica di coesione, con adeguate misure nazionali di resilienza. I sistemi e i mezzi di protezione civile devono essere adeguati alle esigenze future, investendo nellagestione del rischio di catastrofidell’UE e degli Stati membri, nei mezzi di risposta e nelle competenze che possono essere rapidamente dispiegati a livello transfrontaliero. Ciò dovrebbe integrare pienamente i rischi climatici nei processi di gestione del rischio di catastrofi.
  • Condizionipreliminari adeguate per finanziare la resilienza ai cambiamenti climatici: Sarà fondamentalemobilitare finanziamenti sufficienti per la resilienza ai cambiamenti climatici, sia pubblici che privati. La Commissione è pronta a sostenere gli Stati membri nel migliorare e integrare il bilancio dei rischi climatici nei processi di bilancio nazionali. Per garantire che la spesa dell’UE sia resiliente ai cambiamenti climatici, la Commissione integrerà le considerazioni relative all’adattamento ai cambiamenti climatici nell’attuazione dei programmi e delle attività dell’UE nel quadro del principio “non arrecare un danno significativo”. La Commissione convocherà un gruppo di riflessione temporaneo sulla mobilitazione dei finanziamenti per la resilienza ai cambiamenti climatici. Il gruppo di riflessione riunirà i principali attori industriali e rappresentanti degli istituti finanziari pubblici e privati per riflettere su come agevolare i finanziamenti per la resilienza climatica. La Commissione invita gli Stati membri a tenere conto dei rischi climatici quando includono criteri di sostenibilità ambientale nelle gare d’appalto pubbliche competitive, ad esempio attraverso la normativa sull’industria a zero emissioni nette.

Da un punto di vista settoriale, la Commissione propone proposte concrete di intervento in sei gruppi principali di impatto: ecosistemi naturali, acqua, salute, alimentazione, infrastrutture e ambiente edificato e economia. L’attuazione della legislazione UE in vigore è un importante precursore per gestire con successo i rischi in molti di questi settori e nella comunicazione sono delineate misure chiave.

Sebbene la comunicazione si concentri sulla gestione dei rischi climatici all’interno dell’Unione europea, l’ UE è attiva anche a livello internazionale nell’affrontare i rischi climatici e gran parte dei nostri finanziamenti internazionali per il clima è destinata a misure di adattamento. La Commissione continuerà a condividere esperienze, conoscenze e strumenti in materia di gestione dei rischi climatici a livello internazionale e a includere la gestione dei rischi climatici nelle discussioni bilaterali e multilaterali.

Contesto

Un’accelerazione storicamente elevata delle perturbazioni climatiche nel 2 023 ha registrato un riscaldamento globale che ha raggiunto 1.48ºC al di sopra dei livelli preindustriali, mentre le temperature degli oceani e le perdite di ghiaccio nell’Oceano Antartico hanno registrato un ampio margine. La temperatura dell’aria superficiale è aumentata ancora più bruscamente in Europa, con una media degli ultimi cinque anni superiore a 2.2ºC rispetto all’era preindustriale. L’Europa si sta riscaldando due volte più velocemente rispetto al resto del mondo.

Per evitare i peggiori risultati dei cambiamenti climatici e proteggere vite umane, salute, economia ed ecosistemi, è necessario ridurre le emissioni. Sebbene l’UE stia adottando misure per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, gli impatti climatici ci sono già e i rischi continueranno ad aumentare, il che significa che anche le misure di adattamento ai cambiamenti climatici sono essenziali.

La valutazione europea del rischio climatico individua 36 grandi rischi climatici per l’Europa nell’ambito di cinque grandi cluster: ecosistemi, alimentazione, salute, infrastrutture ed economia. Oltre la metà dei rischi individuati richiede ora maggiori interventi e otto di essi sono particolarmente urgenti, principalmente per preservare gli ecosistemi, proteggere le persone dal calore, proteggere le persone e le infrastrutture da inondazioni e incendi boschivi.

Dall’adozione della prima strategia di adattamento dell’UE nel 2013 e della strategia di adattamento aggiornata adottata nel febbraio 2021 nell’ambito della Commissione von der Leyen, l’UE e i suoi Stati membri hanno compiuto notevoli progressi nella comprensione dei rischi climatici cui sono esposti e nella loro preparazione. Le valutazioni nazionali dei rischi climatici sono sempre più utilizzate per orientare l’elaborazione delle politiche di adattamento. Tuttavia, la preparazione della società è ancora scarsa a causa di un ritardo tra l’elaborazione e l’attuazione delle politiche e il rapido aumento dei livelli di rischio.  

Citazioni

  • “L’anno scorso è stato di gran lunga il più caldo mai registrato e l’Europa deve pertanto rafforzare la resilienza agli impatti climatici, individuando i rischi, migliorando la preparazione e perfezionando le politiche in tutti i settori per proteggere vite umane e mezzi di sussistenza. La comunicazione odierna è un forte invito ad agire a tutti i livelli. Individua soluzioni più efficaci, in particolare un migliore coordinamento tra l’UE e i nostri Stati membri, un uso più agevole delle conoscenze per la pianificazione a lungo termine, i sistemi di allarme rapido, la lotta alla disinformazione climatica, una migliore pianificazione territoriale, comprese le infrastrutture critiche, e le giuste condizioni preliminari per il finanziamento della resilienza ai cambiamenti climatici. Ogni euro speso per la prevenzione e la preparazione si tradurrà in benefici per tutti, mentre dobbiamo prestare maggiore attenzione alle aree, ai settori e alle persone più vulnerabili.”
Maroš Šefčovič, vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, le relazioni interistituzionali e le prospettive strategiche
  • “Ondate di calore record, inondazioni gravi, siccità, incendi boschivi estremi stanno diventando sempre più frequenti e più intensi. L’Europa è il continente al riscaldamento più rapido al mondo. Abbiamo il dovere collettivo di proteggere le nostre persone e la nostra prosperità dai rischi climatici, ma non è sempre chiaro chi debba assumersi la responsabilità e come. La prima valutazione europea del rischio climatico ci aiuta a rispondere a tale domanda e ad adottare le misure necessarie. È molto più sensato dal punto di vista economico sviluppare la resilienza ai cambiamenti climatici ora che sostenere i costi dei danni climatici in seguito. Per i nostri cittadini e le nostre società dobbiamo anticipare i rischi climatici, senza mai perdere di vista il nostro lavoro per affrontare le cause profonde dei cambiamenti climatici e limitare le nostre emissioni.”
Wopke Hoekstra, Commissioner for Climate Action

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment