Skip links

La Commissione mobilita finanziamenti per la ricerca e l’innovazione per le transizioni verde e digitale

La Commissione ha adottato una modifica del programma di lavoro 2023-24 di Orizzonte Europa, il programma di ricerca e innovazione dell’UE. La modifica mobilita finanziamenti di Orizzonte Europa precedentemente non assegnati per aumentare il bilancio 2024 di quasi 1.4 miliardi di EUR, portandoli a un totale di 7.3 miliardi di EUR. L’emendamento comprende un investimento di quasi 650 milioni di EUR nelle missioni dell’UE volto a contribuire a risolvere alcune delle sfide che l’Europa deve affrontare, ad esempio rendendo più di 100 città climaticamente neutre, uno strumento del nuovo Bauhaus europeo, nonché azioni sperimentali che aprono opportunità di ricerca e innovazione dell’UE a un maggior numero di nuovi arrivati, tra le altre novità.

Tra le principali caratteristiche di questo aggiornamento del programma di lavoro di Orizzonte Europa figurano:

Missioni dell’UE

Nel 648 l’UE investirà 2 024 milioni di EUR in attività di ricerca e innovazione alla base delle missioni dell’UE. Le missioni dell’UE coprono cinque settori e costituiscono una novità introdotta da Orizzonte Europa per apportare soluzioni concrete ad alcune delle nostre maggiori sfide. Hanno obiettivi ambiziosi e produrranno risultati concreti entro il 2030. Le nuove azioni per il 2024 dovrebbero portare al ripristino di almeno 25 000 km di fiumi a scorrimento libero, ai contratti urbani per il clima con più di 100 città, a 100 laboratori viventi e centri faro che guidano la transizione verso suoli sani, a una migliore preparazione degli enti locali e regionali ad affrontare i rischi legati al clima, a una migliore diagnosi del cancro e al sostegno ai giovani malati di cancro.

Nuovo Bauhaus europeo

Il nuovo Bauhaus europeo mira a portare i benefici del Green Deal europeo nella vita quotidiana e negli spazi di vita delle persone. Nei tre anni successivi al suo avvio, il nuovo Bauhaus europeo ha fornito soluzioni a problemi concreti. Tra gli esempi figurano il progetto tova della Spagna, che ha sviluppato una tecnica di stampa in 3D con terra per fornire soluzioni architettoniche per alloggi sostenibili, economicamente accessibili e di prossimità. Un altro esempio è il progetto WATSUPS del Belgio che crea un nuovo spazio pubblico accanto al fiume Dyle per attenuare il rischio di gentrificazione. Queste soluzioni sono radicate nella ricerca e nell’innovazione che pongono gli europei al centro della trasformazione verde.

Un nuovo strumento del nuovo Bauhaus europeo garantirà che l’Europa continui a sfruttare al meglio questo potenziale. Esso prevede un sostegno pluriennale al bilancio per il periodo 2025-2027 attraverso due pilastri, una parte relativa alla ricerca e all’innovazione per sviluppare nuove idee e una parte di diffusione per potenziare tali soluzioni. Il programma di lavoro modificato di Orizzonte Europa per il periodo 2023-24 stanzia 20 milioni di EUR per preparare il terreno per l’attuazione dello strumento del nuovo Bauhaus europeo.

Azioni sperimentali per attirare nuovi arrivati

L’emendamento comprende un pacchetto di nuove azioni sperimentali volte a rafforzare l’apertura del programma, a sostenere gli obiettivi delle missioni dell’UE e a promuovere le carriere dei giovani ricercatori. Sperimenteranno nuovi approcci in vista dei preparativi per gli ultimi tre anni di Orizzonte Europa e del suo futuro programma successivo.

Le azioni comprendono quattro temi aperti che offrono ai ricercatori maggiore libertà di concentrare il loro lavoro su un tema scelto con un bilancio totale di 76 milioni di EUR nei cluster di Orizzonte Europa che si occupano di “Salute”, “Clima, energia e mobilità” e “Prodotti alimentari, bioeconomia, risorse naturali, agricoltura e ambiente”. Un’azione sperimentale di 15 milioni di EUR per le missioni dell’UE renderà gli istituti di conoscenza, come le università o le organizzazioni di ricerca, i punti focali delle attività di ricerca e innovazione transdisciplinari a livello locale con una dimensione europea. Inoltre, l’invito del nuovo Bauhaus europeo “Trasformare i quartieri, rendendoli belli, sostenibili e inclusivi” mira anche ad attrarre nuovi arrivati al programma per massimizzare l’impatto. Infine, 20 milioni di EUR sosterranno gli ecosistemi dei talenti per le prime carriere attraenti nel campo della ricerca.

Del patrimonio culturale

L’emendamento dedica inoltre 48 milioni di EUR al cloud collaborativo europeo per il patrimonio culturale. Questo nuovo spazio collaborativo digitale aiuterà gli istituti di tutela del patrimonio culturale e i ricercatori nonché le industrie culturali e creative a cogliere i vantaggi della transizione digitale. Integrerà lo spazio comune europeo dei dati per il patrimonio culturale (lo spazio di dati) finanziato nell’ambito del programma Europa digitale.

Preparazione alle pandemie

La pandemia di COVID-19 ha messo in luce le sfide cui devono far fronte i sistemi sanitari europei nell’individuazione, nella prevenzione, nella lotta e nella gestione dei focolai di malattie infettive. Per contribuire a preparare l’Europa a far fronte a potenziali pandemie future, il programma di lavoro modificato prevede un investimento di 50 milioni di EUR per un partenariato europeo per la preparazione alle pandemie.

Preparare il terreno per il 2025

Gli inviti per il 2 025 sono inoltre inclusi nell’emendamento per garantire la continuità di alcune azioni ricorrenti, quali le azioni Marie Skłodowska-Curie (MSCA) e le borse di studio “Raggruppamento per l’eccellenza” e “SER (Spazio europeo della ricerca)” nella parte “Ampliare la partecipazione e diffondere l’eccellenza” e “Riformare e rafforzare il sistema europeo di R &I.”. La Commissione prevede di attuare l’intera gamma di azioni per il 2 025 in un programma di lavoro specifico nel 2025.

Contesto

Orizzonte Europa è il programma di ricerca e innovazione dell’UE per il periodo 2021-27. Inizialmente, con 95.5 milioni di EUR nell’arco di sette anni, il Consiglio europeo ha deciso di ridurre il proprio bilancio di 2.1 miliardi di EUR nell’ambito della revisione intermedia del bilancio a lungo termine dell’UE per consentire all’Unione di finanziare altre priorità urgenti, come gli aiuti all’Ucraina. Il taglio è stato ridotto di 100 milioni di EUR derivante dal riutilizzo dei disimpegni, pertanto la riduzione nel periodo 2025-27 ammonterà a 2 miliardi di EUR.

Il programma di lavoro di Orizzonte Europa 2023-24 è stato adottato il 6 dicembre 2022 e modificato per la prima volta il 31 marzo 2023. Si basa sul piano strategico 2021-2024 di Orizzonte Europa, adottato nel marzo 2021, che è stato elaborato in collaborazione con i portatori di interessi, il Parlamento europeo e gli Stati membri.

L’emendamento odierno completa l’investimento per le missioni dell’UE, che era stato bloccato dal programma di lavoro originario per il periodo 2023-24 per consentire l’attuazione della comunicazione “ Missioni dell’UE due anni dopo: valutazione dei progressi compiuti e prospettive future “, adottata il 19 luglio 2023.

Citazioni

  • “Si tratta di un passo importante verso un’Europa più equa, più verde e più competitiva. Dal ripristino dei fiumi, da una migliore preparazione delle autorità ad affrontare i rischi legati al clima, dalla transizione verso suoli sani, dall’ottimizzazione degli interventi diagnostici sul cancro, fino a molte altre azioni. Le missioni nell’ambito di Orizzonte Europa sono uno strumento importante per risolvere alcune delle nostre maggiori sfide.”
Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva per Un’Europa pronta per l’era digitale
  • “Dobbiamo attirare un maggior numero di nuovi arrivati alle opportunità offerte da Orizzonte Europa per sfruttare al meglio il potenziale dell’Europa. Per questo motivo stiamo introducendo azioni sperimentali nell’aggiornamento del programma di lavoro. Insieme all’introduzione di ulteriori finanziamenti per le missioni dell’UE, lo strumento per il nuovo Bauhaus europeo e le altre azioni, ciò contribuirà a massimizzare l’impatto dei nostri investimenti nella ricerca e nell’innovazione per il successo delle transizioni verde e digitale.”
Iliana Ivanova, commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment