Skip links

La Commissione presenta orientamenti e raccomandazioni per accelerare la diffusione delle energie rinnovabili in vista dell’anniversario del piano REPowerEU 

A quasi due anni dall’adozione del piano REPowerEU, la Commissione fornisce oggi un sostegno supplementare agli Stati membri per accelerare ulteriormente la diffusione delle energie rinnovabili e ridurre le importazioni di combustibili fossili russi. La Commissione ha adottato una serie di raccomandazioni e documenti di orientamento nuovi e aggiornati per migliorare e semplificare le procedure di autorizzazione e le aste per le energie rinnovabili. Tali documenti contribuiranno ad attuare il quadro dell’UE per le energie rinnovabili migliorando le condizioni per una rapida diffusione delle energie rinnovabili prodotte internamente. Stimolando la domanda di tecnologie pulite prodotte in Europa, l’iniziativa contribuirà anche a rafforzare la competitività industriale, ad aumentare la resilienza del sistema energetico e a realizzare il Green Deal europeo.

Procedure di autorizzazione più rapide e semplici

Nella raccomandazione aggiornata sull’accelerazione delle procedure autorizzative e nei relativi orientamenti adottati oggi, la Commissione evidenzia come migliorare le procedure di pianificazione e autorizzazione per le energie rinnovabili e i relativi progetti infrastrutturali nell’UE. Gli orientamenti aggiornati in materia di autorizzazioni forniscono esempi di buone pratiche su procedure di rilascio delle autorizzazioni più rapide e semplici; sottolinea l’importanza della digitalizzazione e della partecipazione della comunità, delle risorse umane e delle competenze; e illustra come gestire al meglio le procedure di selezione dei siti e le connessioni di rete.

La Commissione ha inoltre adottato un ulteriore documento di orientamento sulla designazione delle zone di accelerazione per le energie rinnovabili. Ai sensi della direttiva riveduta sulle energie rinnovabili, si tratta di luoghi in cui la diffusione di progetti di energia rinnovabile non dovrebbe avere impatti ambientali significativi e le procedure necessarie sono pertanto accelerate per garantire una rapida diffusione di tecnologie specifiche. Gli elementi chiave per la selezione di tali zone sono la disponibilità di strumenti digitali per la pianificazione e la mappatura e di dati sulla capacità di energia rinnovabile e sul potenziale impatto ambientale. Nei suoi orientamenti, la Commissione sottolinea inoltre il ruolo di un adeguato coinvolgimento dei portatori di interessi e di una consultazione pubblica per facilitare una designazione efficace di tali zone di accelerazione.

Migliore progettazione delle aste

Le aste svolgono un ruolo fondamentale nella diffusione delle energie rinnovabili e, se ben concepite, possono favorire una crescita costante e sostenibile dell’economia dell’UE. Delineando gli elementi standard per la progettazione delle aste per le energie rinnovabili, la raccomandazione e gli orientamenti della Commissione renderanno tali procedure più armonizzate ed efficienti, in linea con la normativa sull’industria a zero emissioni nette. La raccomandazione odierna e il documento di orientamento che la accompagna aiuteranno gli Stati membri a progettare aste che tengano conto di obiettivi quali la qualità, il contributo alla resilienza e alla sostenibilità ambientale. Il ricorso a criteri diversi dal prezzo consentirà di premiare i progetti a più alto valore aggiunto. Contribuirà a sviluppare l’ecosistema europeo di produzione di tecnologie a zero emissioni nette e garantirà la piena e tempestiva realizzazione dei progetti. Ciò garantirà che la transizione verso l’energia pulita vada di pari passo con una solida base industriale in Europa.

Per migliorare ulteriormente la visibilità e la prevedibilità per gli investitori lungo l’intera catena del valore delle energie rinnovabili, la Commissione ha aggiornato oggi anche la piattaforma dell’Unione per lo sviluppo delle energie rinnovabili, un sistema online in cui gli Stati membri pubblicheranno informazioni di base sui loro calendari d’asta. Tali informazioni dovrebbero includere i tempi e la frequenza delle aste, la capacità messa all’asta, il bilancio previsto e le tecnologie ammissibili, come richiesto dalla direttiva sulle energie rinnovabili. La piattaforma fornirà alle imprese un unico punto di informazione per tutte le aste di energia rinnovabile previste in tutta l’UE.

Antecedenti

Le energie rinnovabili sono una componente fondamentale del piano dell’UE per conseguire la neutralità climatica entro il 2050. È fondamentale per il Green Deal europeo e per il piano REPowerEU volto a eliminare gradualmente le nostre importazioni di combustibili fossili russi. Nell’ambito della direttiva riveduta sulle energie rinnovabili, l’UE mira a raggiungere una quota del 45 % di energie rinnovabili entro il 2030, con un obiettivo minimo giuridicamente vincolante di almeno il 42,5 %. L’accelerazione delle energie rinnovabili è agevolata da una serie di strumenti politici e di bilancio dell’UE, compresi i capitoli dedicati al piano REPowerEU dei piani nazionali per la ripresa e la resilienza e il regolamento RTE-E riveduto, che sostiene lo sviluppo di progetti transfrontalieri nel settore dell’energia pulita, comprese le reti elettriche offshore.

Nella transizione verso un’economia a zero emissioni nette, la competitività dell’UE dipenderà fortemente dalla sua capacità di sviluppare e produrre internamente le tecnologie pulite che rendono possibile tale transizione. Per garantire che l’economia dell’UE sia ben attrezzata, lo scorso anno la Commissione ha presentato il piano industriale del Green Deal e ha proposto in particolare la normativa sull’industria a zero emissioni nette e la normativa sulle materie prime critiche per sostenere la capacità di produzione interna di tecnologie a zero emissioni nette e l’approvvigionamento dei materiali necessari. Per quanto riguarda in particolare le energie rinnovabili, sono state recentemente adottate iniziative specifiche per garantire la competitività delle industrie europee, in particolare il piano d’azione europeo per l’energia eolica e la Carta europea per l’energia eolica, nonché la Carta solare europea.

Citazioni

  • “Le energie rinnovabili sono fondamentali per conseguire la decarbonizzazione dell’industria europea. Rappresenta inoltre un’opportunità economica per l’Europa a sé stante, sulla base della nostra attuale leadership mondiale in una serie di tecnologie chiave. Con l’iniziativa odierna aiutiamo le imprese europee ad accelerare i loro investimenti nelle energie rinnovabili e ad aumentarne la diffusione in tutta Europa. Grazie all’introduzione di criteri diversi dal prezzo nelle aste, offriamo alla nostra industria la possibilità di prosperare a livello nazionale e di competere in condizioni di parità.”
Maroš Šefčovič, vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, le relazioni interistituzionali e le prospettive strategiche
  • “Una maggiore prevedibilità e una più rapida autorizzazione sono fondamentali per inviare i giusti segnali di investimento lungo tutta la catena del valore delle energie rinnovabili. Gli orientamenti odierni della Commissione aiuteranno gli Stati membri ad accelerare la diffusione delle energie rinnovabili. Con l’avvicinarsi di due anni dall’adozione del piano REPowerEU, è importante dare un ulteriore impulso alle fonti energetiche pulite a livello locale, per consentirci di sostituire un numero ancora maggiore di combustibili fossili russi.”
Kadri Simson, commissaria per l’Energia

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment