Skip links

La relazione evidenzia i buoni progressi compiuti nella visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE

La Commissione europea ha pubblicato oggi una relazione che illustra i buoni progressi compiuti finora nell’ambito della visione rurale a lungo termine dell’UE, mette in evidenza i risultati positivi conseguiti dal 2021 e presenta idee per i lavori futuri.

La relazione delinea i progressi compiuti nell’ambito della “Visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE” al fine di sostenere zone e comunità rurali più forti, più connesse, resilienti e prospere. Presenta 30 azioni in una serie di settori di intervento, di cui nove sono già state completate.

Tra i principali risultati conseguiti finora dalla visione a lungo termine figurano:

  • Il lancio di una piattaforma di rilancio rurale per le zone che si trovano ad affrontare sfide demografiche ed economiche;
  • A partire dal 60 progetti di ricerca e innovazione rurale con un bilancio di 253 milioni di EUR che contribuiscono direttamente alle zone rurali;
  • Sostenere l’attuazione di LEADER e guidare circa 150 comunità verso la creazione di piccoli comuni intelligenti attraverso attività di rete dedicate;
  • Stanziare un totale di 23.5 miliardi di EUR in sovvenzioni e prestiti per le zone scarsamente servite, nonché norme aggiornate in materia di aiuti di Stato per migliorare la connettività rurale;
  • Migliorare la pianificazione della mobilità rurale e del turismo attraverso una rete europea di mobilità rurale dedicata;
  • Creazione del polo di consulenza per le comunità energetiche rurali, che ha sostenuto 27 comunità energetiche rurali;
  • Sostenere quattro progetti specifici per contribuire allo sviluppo dell’ economia sociale nelle zone rurali;
  • Aumentare il numero di serie di dati disponibili per le zone rurali e l’accesso ai dati e alle analisi rurali pertinenti attraverso l’ Osservatorio rurale dell’UE e la nuova pubblicazione “Rural Europe“, migliorando le capacità di verifica rurale; e
  • Lanciare il kit di strumenti per le zone rurali per agevolare l’accesso ai finanziamenti dell’UE per le zone rurali e combinare in modo ottimale i finanziamenti dell’UE per le zone rurali.

La relazione sottolinea che un forte impegno a livello degli Stati membri, regionale e locale è essenziale per conseguire buoni risultati. A tale riguardo, il lancio del patto rurale nel 2021 è stato fondamentale, con un apposito organo di governance, una piattaforma collaborativa e un ufficio di sostegno che agevolano le interazioni e creano conoscenze per le comunità rurali.

Mantenendo il suo impegno a favore dello sviluppo delle zone e delle comunità rurali dell’UE, nella presente relazione la Commissione individua le azioni del piano d’azione rurale dell’UE in cui sono necessari sforzi supplementari — e altre in cui è necessaria continuità — per conseguire gli obiettivi generali.

E guarda al futuro: facendo il punto sul modo in cui la PAC e la politica di coesione per il periodo 2023-2027 hanno contribuito alla visione rurale, essa presenta idee e domande di riflessione su come rafforzare le politiche e i sostegni dell’UE in futuro.

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea, ha dichiarato: Le zone rurali sono una componente formativa dell’economia europea e della diversità culturale. Ospitano centinaia di milioni di europei che vi vivono e lavorano. Siamo a loro fianco e vogliamo che le zone rurali europee prosperino. L’Europa sta investendo nelle zone rurali perché le loro prospettive sono il futuro dell’Europa.”

Contesto

Le zone rurali dell’UE coprono il 83 % del territorio dell’UE e quasi 1 europei su 3 vivono in zone rurali.

Nel giugno 2021, dopo un’ampia consultazione, la Commissione europea ha definito una visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE fino al 2040. La presidente Ursula von der Leyen ha lanciato questa iniziativa nel 2019, riconoscendo che le zone rurali sono un elemento centrale dell’identità e del potenziale economico dell’Europa e che dobbiamo preservarle e investire nel loro futuro.

La visione a lungo termine ha individuato 10 obiettivi condivisi e 4 settori di azione per zone rurali più forti, connesse, resilienti e prospere entro il 2040. Per conseguire questi obiettivi, la Commissione si è impegnata ad avviare un patto rurale per mobilitare le autorità pubbliche e le parti interessate affinché agiscano in funzione delle esigenze e delle aspirazioni dei residenti nelle zone rurali. Ha inoltre introdotto un piano d’azione rurale dell’UE, con 30 azioni che la Commissione deve attuare in una serie di settori d’intervento dell’UE.

La relazione odierna è la prima sull’attuazione della visione rurale e offre le prime informazioni sui progressi compiuti finora e riflessioni sugli orientamenti futuri.

Citazioni

  • “Le zone rurali sono una componente formativa dell’economia europea e della diversità culturale. Ospitano centinaia di milioni di europei che vi vivono e lavorano. Siamo a loro fianco e vogliamo che le zone rurali europee prosperino. L’Europa sta investendo nelle zone rurali perché le loro prospettive sono il futuro dell’Europa.”
Ursula von der Leyen, President of the European Commission
  • “Nel far fronte allo spopolamento e alle sfide demografiche, dobbiamo adottare un approccio politico globale che colmi il divario tra zone rurali e urbane e garantisca parità di accesso ai servizi. Manteniamo il nostro impegno a favore di questa missione, senza lasciare indietro nessuna regione nella nostra Unione. Il nostro lavoro è guidato da una visione a lungo termine per le zone rurali, che sta ora dando risultati tangibili sul campo. Con il nostro sostegno, le comunità rurali hanno la capacità di affrontare le loro sfide e di prosperare.”
Dubravka Šuica, vicepresidente per la Democrazia e la demografia
  • “La relazione odierna sottolinea l’impegno e i progressi dell’UE verso il futuro delle sue zone rurali. Solo ascoltando attivamente e dialogando con le nostre comunità rurali possiamo trovare soluzioni che riconoscano e tengano conto delle loro esigenze di realizzare zone rurali più forti, connesse, resilienti e prospere. Attraverso i piani strategici della PAC, sottolineiamo il profondo legame tra sviluppo rurale e agricoltura e offriamo un nuovo impulso alle opportunità di rilancio rurale per gli agricoltori e le comunità rurali.”
Janusz Wojciechowski, commissario per l’Agricoltura
  • “Le aree al di fuori delle grandi città sono luoghi di opportunità cruciali per la resilienza dell’Europa e del suo futuro. Promuovere uno sviluppo equilibrato e policentrico, che apporti attività e opportunità economiche in tutte le regioni, è importante per l’intera UE. La Vison a lungo termine per le zone rurali consente agli Stati membri e alle regioni di attuare politiche e investimenti pubblici adeguati alle esigenze, alle sfide e ai punti di forza delle nostre diverse zone rurali. Gli investimenti della politica di coesione coprono tutti gli obiettivi della visione, dalle infrastrutture alle opportunità di istruzione e al sostegno alle imprese. Promuove e sostiene la vitalità economica e l’inclusione sociale delle zone rurali.”
Elisa Ferreira, commissaria per la Coesione e le riforme

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment