Skip links

L’UE e la Groenlandia firmano un partenariato strategico sulle catene del valore sostenibili per le materie prime

 

Oggi a Bruxelles l’UE ha firmato un memorandum d’intesa con il governo della Groenlandia relativo a un partenariato strategico finalizzato allo sviluppo di catene del valore sostenibili per le materie prime.

Maroš Šefčovič, Vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, le relazioni interistituzionali e le prospettive strategiche della Commissione europea, ha firmato il memorandum d’intesa con il governo della Groenlandia, rappresentato dal Ministro delle Imprese, del commercio, delle risorse minerarie, della giustizia e della parità di genere, Naaja H. Nathanielsen.

Le ingenti ricchezze naturali della Groenlandia rappresentano una risorsa importante per sfruttare i vantaggi delle catene globali del valore, e di conseguenza nel territorio si sta puntando a diversificare l’economia in modo sostenibile. 25 delle 34 materie prime critiche identificate dalla Commissione come strategicamente importanti per l’industria europea e la transizione verde si trovano in Groenlandia.

La firma del memorandum d’intesa contribuirà allo sviluppo di progetti sostenibili lungo le catene del valore delle materie prime e alla realizzazione delle infrastrutture necessarie per svilupparli.

Cinque settori di cooperazione

Il protocollo d’intesa instaura una stretta cooperazione tra la Groenlandia e l’UE nei cinque settori seguenti:

  • integrazione economica e industriale delle catene del valore relative alle materie prime critiche e ad altre materie prime. Tale integrazione sarà raggiunta attraverso la creazione di reti, lo sviluppo congiunto di progetti, la creazione e la promozione di nuovi modelli imprenditoriali, l’attrazione di investimenti, il sostegno all’accesso ai finanziamenti, l’agevolazione dei collegamenti commerciali, lo sviluppo e l’integrazione del sostegno alla diversificazione economica nonché tramite la garanzia del buon funzionamento e della resilienza di tali catene del valore.
  • cooperazione mirata a sfruttare gli elevati standard ambientali, sociali e di governance (ESG) internazionali, per fare sì che il settore minerario della Groenlandia faccia da trampolino a una crescita economica sostenibile e inclusiva con la creazione di valore a livello locale e nazionale. Tale cooperazione prevede anche lo sfruttamento sostenibile delle risorse minerarie in stretto dialogo con l’insieme della società groenlandese – individui, organizzazioni, imprese e altre parti interessate – tenendo pienamente conto della natura unica delle terre incontaminate della Groenlandia e applicando standard ESG elevati stabiliti nella legislazione, negli accordi, negli orientamenti e nelle migliori pratiche.
  • realizzazione dell’infrastruttura necessaria per lo sviluppo di catene del valore per le materie prime. In questo contesto si terrà conto delle specificità del fabbisogno di infrastrutture energetiche e di trasporto della Groenlandia, fatte salve le condizioni artiche o subartiche, e verrà sostenuta la mobilitazione di finanziamenti per tali infrastrutture.
  • rafforzamento delle capacità e sviluppo delle competenze lungo le catene del valore delle materie prime. Si punterà allo sviluppo di competenze a tutti i livelli, sia in seno all’industria delle materie prime che nella società in generale.
  • cooperazione in materia di ricerca e innovazione e condivisione delle conoscenze e delle tecnologie relative all’esplorazione, all’estrazione, alla trasformazione e alla raffinazione sostenibili delle materie prime. La Groenlandia è ammissibile al programma quadro di ricerca e innovazione dell’UE e i dati di osservazione della terra ottenuti nel quadro del programma Copernicus presentano opportunità promettenti per l’esplorazione mineraria (mappatura dei giacimenti, monitoraggio delle attività minerarie – compresa la gestione dei rifiuti – monitoraggio dell’impatto ambientale).

Prossime tappe

In seguito alla firma del memorandum d’intesa, l’UE e la Groenlandia elaboreranno congiuntamente una tabella di marcia articolata su azioni concrete volte a mettere in pratica il partenariato strategico.

Informazioni generali

Il partenariato firmato oggi è vantaggioso per entrambe le parti. Da un lato garantisce che le risorse della Groenlandia servano a sostenere uno sviluppo socioeconomico sostenibile, equo e inclusivo, nel più rigoroso rispetto delle norme ESG; dall’altro lato consente all’UE di realizzare il suo ambizioso Green Deal, rendendo possibili le transizioni verde e digitale in entrambe le regioni.

L’UE deve assicurarsi un approvvigionamento sostenibile di materie prime, in particolare di materie prime critiche: questo è infatti un prerequisito essenziale per conseguire gli obiettivi in materia di energia verde e pulita. Nel quadro del piano d’azione per le materie prime critiche [1] e della normativa sulle materie prime critiche [2], l’UE si impegna a sviluppare partenariati internazionali strategici e finanziamenti associati con paesi ricchi di risorse come la Groenlandia per garantire un approvvigionamento diversificato e sostenibile di materie prime critiche.

La Commissione, in nome dell’UE, ha già istituito partenariati strategici sulle materie prime con il Canada (giugno 2021), l’Ucraina (luglio 2021), il Kazakhstan e la Namibia (novembre 2022), l’Argentina (giugno 2023), il Cile (luglio 2023) nonché con lo Zambia e la Repubblica democratica del Congo (ottobre 2023). I partenariati consentono a entrambe le parti di far progredire gli scambi e gli investimenti rendendo la catena del valore delle materie prime sicura, sostenibile e resiliente: si tratta di un elemento fondamentale per realizzare la transizione verso economie climaticamente neutre e digitalizzate. I partenariati sono in linea con la strategia Global Gateway, l’iniziativa chiave dell’UE per gli investimenti a favore di progetti sostenibili e di alta qualità nel mondo intero (nel rispetto delle esigenze dei paesi partner e garantendo benefici duraturi per le comunità locali), grazie alla quale Team Europa mobiliterà fino a 300 miliardi di €.

L’elevato potenziale di risorse della Groenlandia, unito alla domanda di minerali dell’UE e alle sue competenze in materia di prospezione, esplorazione, estrazione, trasformazione e raffinazione, costituisce una solida base per il partenariato e assicura lo sviluppo del settore delle risorse minerarie groenlandesi quale futuro fornitore di materie prime per l’UE.

Citazioni

  • “Questo partenariato strategico apporterà grandi benefici a entrambe le parti. Ci consentirà di lavorare insieme per sviluppare le risorse in modo sostenibile, responsabile e con il sostegno della società civile, incoraggiando nel contempo gli investimenti nel settore; contribuirà a diversificare l’economia della Groenlandia, creando posti di lavoro, aprendo nuove opportunità per le imprese locali e promuovendo una crescita economica sostenibile.”

Maroš Šefčovič, vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, le relazioni interistituzionali e le prospettive strategiche – 30/11/2023

  • “Da lunghi anni la Groenlandia e l’Unione europea intrattengono relazioni positive, relazioni che cerchiamo ora di diversificare e rafforzare con un’attenzione più forte e strutturata alle risorse minerarie. La Groenlandia dispone di molte delle materie prime necessarie per la transizione verso l’energia pulita e in altri settori di importanza strategica per l’Unione europea. Il memorandum d’intesa metterà in risalto l’importanza del nostro partenariato strategico sulle catene del valore sostenibili per le materie prime e sarà affiancato da una dettagliata tabella di marcia, al fine di garantire risultati concreti a beneficio di entrambe le parti.”

Naaja H. Nathanielsen, Minister for Business, Trade, Mineral Resources, Justice and Gender Equality of Greenland – 30/11/2023

  • “Questo partenariato rappresenta un passo importante per lo sviluppo di catene del valore industriali resilienti nell’UE e in Groenlandia. Lavoreremo insieme per potenziare i progetti di importanza strategica, dai quali trarranno beneficio entrambe le parti, e promuoveremo l’integrazione delle catene del valore delle materie prime, che rappresenta un’opportunità per lo sviluppo delle risorse minerarie in Groenlandia.”

Thierry Breton, commissario per il Mercato interno – 30/11/2023

  • “L’Unione europea e la Groenlandia condividono un partenariato profondo e duraturo fondato sui valori fondamentali condivisi alla base delle nostre società. Questa relazione è per noi molto importante, così come lo è lo sviluppo sostenibile della Groenlandia e dell’intera regione artica. Le cifre parlano chiaro: la nuova decisione sull’associazione d’oltremare prevede che circa la metà della dotazione totale di 500 milioni di € per il periodo 2021-2027 sia destinata alla nostra cooperazione con la Groenlandia. In linea con la nostra strategia Global Gateway, siamo convinti del grande potenziale della nostra collaborazione sulla crescita verde e sulle materie prime sostenibili.”

Jutta Urpilainen, commissaria per i Partenariati internazionali – 30/11/2023

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment