Skip links

La Commissione saluta l’accordo provvisorio per rafforzare il bilancio a lungo termine dell’UE, la competitività e la sovranità europee

La Commissione europea saluta l’accordo provvisorio tra il Parlamento europeo e il Consiglio sulla revisione del quadro finanziario pluriennale (QFP) per il periodo 2021-2027 e il lancio della piattaforma per le tecnologie strategiche per l’Europa (STEP).

Una volta adottato, il bilancio riveduto consentirà all’Unione di continuare a ottenere risultati sulle nostre priorità comuni e di affrontare le sfide che l’Europa si trova davanti, a vantaggio dei cittadini europei e non solo. In particolare, la revisione del QFP renderà disponibile un pacchetto di sostegno pluriennale di 50 miliardi di € per l’Ucraina e risorse aggiuntive per affrontare le sfide migratorie e sostenere i partner dei Balcani occidentali, del vicinato meridionale e altri partner dell’UE. Grazie alla revisione, il bilancio dell’UE sarà attrezzato meglio per aiutare gli Stati membri colpiti da catastrofi naturali e i paesi che affrontano crisi umanitarie.

Inoltre sarà istituita la piattaforma STEP per sostenere le industrie chiave e le tecnologie critiche nell’UE al fine di rafforzare la competitività e la sovranità europee, con un potenziale stimato di investimenti che potrebbe raggiungere 50 miliardi di € in tutta l’UE. La piattaforma STEP metterà in comune risorse provenienti dai programmi di finanziamento UE esistenti e promuoverà sinergie tra loro, compresi i fondi della politica di coesione e il dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF).

Gli accordi concludono i negoziati sulla revisione intermedia del bilancio a lungo termine dell’UE e intervengono dopo l’accordo provvisorio di lunedì sullo strumento per l’Ucraina.

Elementi chiave della revisione del quadro finanziario pluriennale 2021-2027

L’accordo provvisorio sulla revisione del regolamento QFP renderà possibile una serie di misure.

  • Istituzione della riserva per l’Ucraina, per sostenere l’Ucraina con sovvenzioni fino a 17 miliardi di € integrate da una copertura di bilancio per prestiti fino a 33 miliardi di €. Con una capacità complessiva di 50 miliardi di € nel periodo 2024-2027, lo strumento per l’Ucraina provvederà alle necessità immediate dell’Ucraina, alla ripresa e all’ammodernamento del paese nel suo percorso verso l’UE.  
  • Un rafforzamento per la migrazione e le sfide esterne di 9,6 miliardi di € servirà ad affrontare il fenomeno migratorio nella sua duplice dimensione interna ed esterna e aiuterà i partner dei Balcani occidentali, del vicinato meridionale e altri partner dell’UE.
  • Una risposta più incisiva alle sfide impreviste: dal 2021 il bilancio dell’UE è stato mobilitato per far fronte a ripetute crisi. Affinché il bilancio UE possa continuare a rispondere a circostanze impreviste, lo strumento di flessibilità sarà rafforzato con 2 miliardi di €. La riserva di solidarietà e per gli aiuti d’urgenza è incrementata di 1,5 miliardi di € per permettere al bilancio dell’UE di reagire rapidamente alle crisi umanitarie e di sostenere gli Stati membri colpiti da catastrofi naturali.  
  • Istituzione di un nuovo strumento per apportare una soluzione sostenibile per il finanziamento dei costi connessi a NextGenerationEU.

Per ridurre l’impatto della revisione del QFP sui bilanci nazionali, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno concordato adeguamenti all’interno del bilancio UE. A tali adeguamenti si accompagneranno misure volte a ridurre al minimo gli effetti sull’attuazione dei programmi dell’UE, tra le quali la possibilità di riutilizzare i precedenti disimpegni per Orizzonte Europa e un adeguamento annuale equilibrato per il programma “UE per la salute”. La Commissione si adopererà ora per rendere operative tali riassegnazioni nel miglior modo possibile affinché tutti i fondi siano utilizzati per creare il massimo valore aggiunto per i cittadini, le imprese e le regioni, europee e non solo.

La Commissione presenterà un bilancio rettificativo per il 2024 al fine di attuare il QFP riveduto e di aggiornare in tempo utile la sua programmazione finanziaria fino al 2027.

Lancio della piattaforma per le tecnologie strategiche per l’Europa

La Commissione ha ora il compito di rendere operativa la piattaforma STEP per rafforzare la competitività dell’industria dell’UE.

  • L’iniziativa si concentra sugli investimenti per lo sviluppo e la fabbricazione di tecnologie critiche in 3 settori strategici: digitale e deep tech, biotecnologie e tecnologie pulite.
  • STEP metterà in comune risorse provenienti da vari programmi di investimento UE esistenti e promuoverà sinergie tra loro: InvestEU, il Fondo per l’innovazione, Orizzonte Europa, UE per la salute, Europa digitale e il Fondo europeo per la difesa.
  • Il Fondo europeo per la difesa beneficerà di un rafforzamento di 1,5 miliardi di €.
  • Gli Stati membri avranno un ruolo importante nel garantire il successo della piattaforma STEP in tutta l’UE: potranno infatti riorientare verso investimenti nella STEP i rispettivi programmi finanziati dall’UE nell’ambito della politica di coesione e del dispositivo per la ripresa e la resilienza.
  • La Commissione istituirà un nuovo portale online dedicato alla sovranità, che diventerà operativo nei prossimi mesi. Il portale riunirà le informazioni sui finanziamenti dell’UE e aiuterà i promotori di progetti nei 3 settori strategici a individuare le opportunità di finanziamento UE per soddisfare le loro esigenze operative in termini di sviluppo e produzione.
  • I progetti che otterranno il “marchio di sovranità” accederanno più agevolmente ai finanziamenti e saranno presentati su questo nuovo portale.

Prossime tappe

Gli accordi provvisori sui regolamenti che modificano il QFP e istituiscono lo strumento per l’Ucraina e la piattaforma STEP saranno messi a punto dopo una votazione del Parlamento europeo in seduta plenaria, cui farà seguito una votazione in seno al Consiglio.

Contesto

L’UE ha dovuto affrontare una serie di sfide impreviste e senza precedenti successivamente all’adozione, nel 2020, del bilancio a lungo termine dell’UE per il periodo 2021-2027: dalla brutale invasione dell’Ucraina da parte della Russia, con tutto ciò che ne è derivato, alla ripresa della migrazione dopo la pandemia, all’accelerazione dell’inflazione e dei tassi d’interesse.

Il bilancio UE ha contribuito in modo determinante alla risposta dell’Unione europea; affrontare queste sfide molteplici ha però spinto le sue risorse al punto di esaurimento, ostacolandone la capacità di far fronte anche alle sfide più urgenti.

Affinché il bilancio dell’UE possa continuare a permettere di conseguire gli obiettivi più essenziali, nel giugno 2023 la Commissione europea ha proposto di rafforzare il bilancio a lungo termine dell’UE.

Il 1º febbraio 2024 i leader dell’UE hanno confermato tutte le priorità della proposta della Commissione e hanno approvato la prima revisione del bilancio a lungo termine dell’UE e la creazione dello strumento per l’Ucraina e della piattaforma STEP.

Citazioni

“Accolgo con soddisfazione la rapida conclusione dei negoziati tra il Parlamento europeo e il Consiglio. L’accordo finale su un bilancio a lungo termine riveduto è una buona notizia per l’Europa. Con questo accordo possiamo ora fornire finanziamenti indispensabili ai nostri partner in Ucraina, affrontare le altre numerose e urgenti sfide che l’Unione ha davanti, come la migrazione, e disporre di risorse per circostanze impreviste quali crisi umanitarie e catastrofi naturali. La piattaforma STEP rafforzerà a sua volta la competitività dell’Europa nel settore delle tecnologie pulite, delle biotecnologie e delle tecnologie digitali e deep tech per gli anni a venire e garantirà che i finanziamenti dell’UE siano utilizzati appieno.”

Johannes Hahn, commissario per il Bilancio e l’amministrazione

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA