Skip links

Piano strategico 2025-2027 di Orizzonte Europa per la ricerca e l’innovazione a sostegno del percorso verso un futuro verde, digitale e resiliente

La Commissione ha adottato oggi il secondo piano strategico per Orizzonte Europa. Il piano, annunciato in occasione delle Giornate faro della ricerca e dell’innovazione, definisce tre orientamenti strategici chiave per il finanziamento della ricerca e dell’innovazione dell’UE per gli ultimi tre anni del programma (2025-2027):

  • Transizione verde;
  • Transizione digitale;
  • Un’Europa più resiliente, competitiva, inclusiva e democratica.

Tali orientamenti mirano ad affrontare sfide globali fondamentali quali i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità, la transizione digitale e l’invecchiamento della popolazione.

L’autonomia strategica aperta e la garanzia del ruolo guida dell’Europa nello sviluppo e nella diffusione delle tecnologie critiche sono principi generali che si applicano a tutti e tre gli orientamenti strategici fondamentali.

Il piano strategico aumenta l’ambizione di Orizzonte Europa in materia di biodiversità e si impegna a conseguire l’obiettivo di destinare il 10 % del bilancio totale di Orizzonte Europa per il periodo 2025-2027 a temi connessi alla biodiversità. Questo nuovo impegno integra gli obiettivi esistenti per la spesa per il clima (35 % nel corso della durata di Orizzonte Europa) e le principali attività digitali (13 miliardi di EUR nello stesso periodo).

Il piano strategico individua nove nuovi partenariati europei cofinanziati e co-programmati: Salute del cervello, foreste e silvicoltura per un futuro sostenibile, materie prime innovative per l’UE, materie prime per la transizione verde e digitale, patrimonio culturale resiliente, trasformazioni sociali e resilienza, fotovoltaico solare, tessili del futuro e mondi virtuali.

Il piano strategico fornisce inoltre una panoramica dei risultati conseguiti dalle missioni dell’ UE nei loro primi anni. Come novità, il piano per lo Stato introduce lo strumento per il nuovo Bauhaus europeo. Il nuovo Bauhaus europeo è un movimento pionieristico che riunisce cittadini, comuni, esperti, imprese, università e istituzioni per riimmaginare e realizzare insieme una vita sostenibile e inclusiva in Europa e nel resto del mondo. Data la natura trasversale del nuovo Bauhaus europeo e del suo contenuto di R &I, il nuovo Bauhaus europeo sarà attuato come questione trasversale nei programmi di lavoro di Orizzonte Europa per il periodo 2025-2027. Questa componente R &Isarà integrata da una componente di attuazione che sarà realizzata attraverso sinergie con altri programmi dell’UE. Insieme, queste due componenti saranno denominate “strumento NEB”.

Il piano affronta una serie di questioni specifiche, quali l’equilibrio tra ricerca e innovazione e l’integrazione delle scienze sociali e umane. Per quanto riguarda il primo, il piano strategico si impegna a fornire un sostegno equilibrato alle attività con una serie di maturità e livelli di maturità tecnologica, che vanno dalla creazione di conoscenze e dalla ricerca iniziale all’innovazione, alle attività di dimostrazione e di prima diffusione, ad esempio nelle regioni modello, nei laboratori viventi e nei centri faro. Si impegna inoltre a rafforzare i progetti di ricerca collaborativa con bassi livelli di maturità tecnologica e livelli di maturità nell’ambito del secondo pilastro.

L’integrazione efficace delle scienze sociali e umane in tutti i cluster, comprese tutte le missioni e i partenariati, è un principio fondamentale del programma. Ciò si riflette nella segnalazione di temi specifici e nella richiesta di una valutazione del loro impatto sociale. Le scienze sociali e umane saranno integrate nei progetti pertinenti, dalla loro elaborazione fino alla loro selezione e valutazione.

Prossime fasi

Gli orientamenti strategici fondamentali sono i principi guida di Orizzonte Europa e saranno attuati attraverso i programmi di lavoro. I programmi di lavoro definiscono le opportunità di finanziamento per le attività di ricerca e innovazione attraverso inviti tematici a presentare proposte e temi.

Il programma di lavoro principale di Orizzonte Europa per il 2025 sarà sviluppato seguendo gli orientamenti del piano strategico di recente adozione. Nell’aprile 2024 la Commissione lancerà un’opportunità di feedback per il programma di lavoro 2025 aperta a tutte le parti interessate.

Contesto

Il piano strategico di Orizzonte Europa per il periodo 2025-2027 si basa su un’ analisi approfondita condotta dai servizi della Commissione, compresa un’analisi delle lacune sui temi mancanti e sulle potenziali lacune nei settori di intervento previsti dalla base giuridica di Orizzonte Europa. Il piano strategico è stato elaborato congiuntamente dai servizi della Commissione e progettato congiuntamente con il Parlamento europeo, gli Stati membri e i paesi associati, nonché con oltre 2000 portatori di interessi e cittadini che hanno contribuito alle varie fasi del processo di pianificazione strategica di Orizzonte Europa, come la più grande consultazione pubblica mai condotta sui programmi quadro europei di ricerca e innovazione.

Citazioni

  • “Definendo orientamenti strategici chiave per il finanziamento della ricerca e dell’innovazione dell’UE, possiamo orientare gli investimenti nella ricerca all’avanguardia e nell’innovazione pionieristica. Attraverso i programmi di lavoro di Orizzonte Europa possiamo affrontare sfide fondamentali quali i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità, la transizione digitale e l’invecchiamento della popolazione. Il nostro piano strategico individua nove nuovi settori: Salute del cervello, silvicoltura per un futuro sostenibile, materie prime innovative, materie prime per la transizione verde e digitale, patrimonio culturale, trasformazioni sociali, fotovoltaiche solari, tessili del futuro e mondi virtuali.”
Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva per Un’Europa pronta per l’era digitale
  • “Il nostro programma di ricerca e innovazione è il fondamento della nostra futura prosperità e competitività. Il piano strategico per gli ultimi tre anni di Orizzonte Europa garantisce che i nostri finanziamenti per la ricerca e l’innovazione siano alla base delle nostre ambizioni in materia di clima, biodiversità e digitale, mantenendo nel contempo la flessibilità di cui abbiamo bisogno per rispondere a eventuali esigenze emergenti.”
Iliana Ivanova, commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani

FONTE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Leave a comment