Skip links

Via libera a revisione del bilancio a lungo termine, aiuti all’Ucraina e STEP

  • Aiuti a lungo termine all’Ucraina e più finanziamenti per priorità come migrazione, politiche esterne e preparazione alle crisi
  • Modifiche al bilancio UE per rispondere alle sfide attuali e future
  • Piattaforma per le tecnologie strategiche per l’Europa (STEP): competitività e resilienza in settori strategici
  • Più controllo democratico sullo strumento per l’Ucraina e passi in avanti verso l’uso dei beni russi congelati

Il Parlamento approva la riforma del bilancio a lungo termine dell’UE, che include i finanziamenti all’Ucraina e la piattaforma per le tecnologie strategiche europee.

Martedì, il Parlamento ha approvato la revisione del bilancio a lungo termine dell’UE, noto come “Quadro finanziario pluriennale” (QFP). Tra le modifiche apportate, una dotazione di 50 miliardi di EUR per lo strumento per l’Ucraina e l’istituzione dello STEP, la piattaforma per le tecnologie strategiche per l’Europa (in inglese: Strategic Technologies for Europe Platform – STEP), che mira a rafforzare l’indipendenza strategica dell’UE e a promuovere l’innovazione.

Revisione del bilancio a lungo termine dell’UE

Questo aggiornamento del QFP, approvato con 499 voti favorevoli, 67 contrari e 31 astensioni, aumenta i fondi a disposizione per rispondere agli imprevisti e alle necessità del nuovo contesto geopolitico. A essere rinforzati sono soprattutto gli strumenti di risposta alle sfide migratorie ed esterne, la preparazione alle crisi e la flessibilità di bilancio. Come richiesto dal Parlamento, la revisione introduce anche un meccanismo per far fronte all’aumento dei costi di rimborso del piano di ripresa NextGenerationEU, che risentono dell’incremento generalizzato dei tassi di interesse. Parlamento e Stati membri hanno raggiunto un accordo sul bilancio a lungo termine il 6 febbraio. Maggiori informazioni sono disponibili in questo comunicato stampa.

Il Parlamento ha anche approvato una risoluzione politica che accompagna il voto di conferma sulla revisione del regolamento sul QFP, con 422 voti favorevoli, 101 contrari e 101 astensioni.

Questi sono gli interventi in plenaria dei correlatori Jan Olbrycht (PPE, PL) (link all’intervento) e Margarida Marques (S&D, PT) (link all’intervento).

Aiuti finanziari all’Ucraina

La revisione del QFP istituisce anche il cosiddetto “strumento per l’Ucraina”. Approvato con 536 voti favorevoli, 40 contrari e 39 astensioni, questo strumento da 50 miliardi di EUR in sovvenzioni, prestiti e garanzie dimostra che l’UE è e continuerà a essere al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario. Maggiori informazioni sui miglioramenti apportati dai deputati sono disponibili nel comunicato stampa del 6 febbraio sull’accordo raggiunto con il Consiglio.

Questi sono gli interventi in plenaria di Michael Gahler (PPE, DE) (link all’intervento), correlatore per la commissione per gli affari esteri, ed Eider Gardiazabal Rubial (S&D, ES), correlatrice per la commissione per i bilanci (link all’intervento).

Piattaforma per le tecnologie strategiche per l’Europa (STEP)

La piattaforma, approvata con 517 voti favorevoli, 59 contrari e 51 astensioni, fa parte anch’essa del pacchetto di revisione del bilancio e mira a consolidare e rafforzare la posizione dell’Europa in settori strategici dal punto di vista tecnologico. Tra questi ci sono le tecnologie digitali, le tecnologie pulite ed efficienti sotto il profilo delle risorse, come quelle a zero emissioni nette, e le biotecnologie. Maggiori informazioni sull’accordo raggiunto con gli Stati membri sono disponibili nel comunicato stampa del 7 febbraio.

Questi sono gli interventi in plenaria di José Manuel Fernandes (PPE, PT) (link all’intervento), correlatore per la commissione per i bilanci, e Cristian-Silviu Buşoi (PPE, RO), presidente della commissione per l’industria, la ricerca e l’energia (link all’intervento), intervenendo a nome di Christian Ehler (PPE, DE), correlatore per la commissione per l’industria, la ricerca e l’energia.

Contesto

Il quadro finanziario pluriennale (QFP) fissa i limiti annuali (massimali di spesa) degli impegni dell’UE in diversi settori politici (grandi categorie di spesa denominate “rubriche”) e dei pagamenti annui complessivi per un periodo di sette anni. L’attuale quadro per il periodo 2021-2027 è stato adottato nel 2020. Il 20 giugno 2023 la Commissione europea ha presentato una revisione intermedia con la quale ha proposto l’istituzione dello strumento per l’Ucraina e della piattaforma STEP.

 

FONTE: COMUNICATO STAMPA DEL PARLAMENTO EUROPEO

Leave a comment